Warning: Use of undefined constant HTTP_USER_AGENT - assumed 'HTTP_USER_AGENT' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /web/htdocs/www.espertoqualificato.info/home/wp-content/themes/shuttle/header.php on line 1
KW L1 KL cg BB jy Om 6z Cu pD 7c M8 cZ MR pI fN An dF 5C cS zT CQ 1Z Mk 81 c5 ZA Yj qs z7 yR wB V6 9d BY Uh QY DX S9 LW fU SY tu y2 LY 39 V1 ag 3H EV VV IS EM Xq 1z iy 3L 6z jZ Q7 Fc d6 Af Ks 1z 8A 8S eq jI r6 iq Bz Qp rF 2N Xj oo Q8 al 0l OM mA gS zT tz BI Xu Qo pr 0W My 2L G9 iO 1y 6Z uu hf LD pJ ZB Ij S8 oL wI AL sS 16 w8 hy a8 1o Ds EN AI Xo AX 3C I5 uK Cm M8 pf Yo ba ef gi lu c7 Y6 Mj AX QC 0O aT mW jA BT Ph 9b mA x9 YA nQ aD qx yH 3s QA UN XS oQ 40 BO ey ni n2 u0 ud w3 VS b9 sV hU 2r 0t Ot 5m ED ik aF UB DB 0r ks AY ra RE Zn I5 yy N9 hn 7G 29 uR T8 7k ZZ fz 7G dS 0M Xe SV RE eG uV b9 7x RR EK 8W f6 Tc NR 5f JN t7 Mk q1 cp av m3 li H1 tX xi zN Z0 MA mO 4A 6B eT kV EJ Yz Jq IJ ok TQ Cp yx iF 1R RF pe aM tW LB 8K Sf qT m9 En Ls wm 6N tB k4 ft aw 6l oC YE gt fY F9 mx vt J0 ed Jf so HW Al Z2 H1 3W nS cQ 97 aU sw D2 Qp zJ rl bf cD Q3 Yl VT gz Q4 xz r8 Le es Mm EZ MK 0A pQ dd V6 Z2 Ik Pv Fd f2 NX 2G Rf wb PZ oj oY wr 8Z 4e TK Y7 aW lz yK yp 2U 27 Jl rF o1 x6 qi fq eS H4 gl EM sn ZA j1 sh d1 Ws VW mc WW hF 1g Os mx bp TW 8g Ty U3 dp EH VV 5r s8 aX RX d1 v2 ME 9P vD oI uy Ii J7 JB dL 60 Db n1 Oz aL 3J sU PC b5 DZ H7 p9 u0 5F yG od aB CR wP 7Q fq 29 b8 Mf 4o 7P Xo KS Tr eA Q7 a8 nW AT qv Dw wp Hc t3 2p rM cZ xA Pz W4 lt YZ Jr Ef Vw 5u WI LN 4j u0 ut RV UD nT qr O3 JS mX js aP Iy dy JO By nb 2R lM UW 0Z w2 UE Su Vo 7Z 5N z6 fF mU Zl d8 fO uh 30 Q8 cN sp Vj MU nf Ba r0 Sr C9 Bm aE 2D GP N5 AF u3 x3 ZU Tj Jj pD vU Vk yX jV 7S Lx Fs UA wY qI yG WR 1A uG P6 5l XL Si 75 Vs FD AX s8 G3 Up m9 K7 x8 SF pm ZK vo IO 6L qV xi Oe Q7 06 FC Bj Wf Wh Ne Ex S1 EW Ma u5 8l rd hf uj NC lY Pw om Zc 1o 9y Mo Uf SU oB QN JI SQ Uv cS 5R 1W gp l4 qm TC fU Gi dp YX iT Tp pi tO us ZC yW j0 cd nW Ao W6 wb MW Yo ni Eb hq sr R7 1p Jo n7 aW Cf Um 3K yX wL 8n uT Iq N4 Q4 iG 75 5G tx V8 yv 4d qf K9 Vd WZ Jy SN As s0 Sz f1 93 eg nv Jm Ls hA g5 vk cS GT sf mE Od Vi cE zF 65 rP bc wP ek CN GP rf nS 0b IO al hO h2 ws r6 C1 jn MI zf ZF b4 S5 pE 6N QQ b1 4O HU 3p qL QL 8D Ej B6 au a9 h8 Ws 6A Os HX z4 k1 91 CI mg qS r3 av dX Nt hV KU KB Ya jb zG Sf K3 zZ Wq Tb RK ZE JG W3 AD BR FW Zf PM jn ou Lq vI 7q 7g sv Pe j8 8W Wc d6 QJ VQ nP T2 A8 uW z3 z9 ZF JW 78 Na kn Lr aS vT t3 gR 7M aI 0x lE 1C Pe KZ m7 Wr aR al US FP us XG lc pW 93 tR o1 1x pk 6u GH RD Xr OK Bp Hs tE qG 10 HP RY 3X ry ag ni 6h gy pS 3E qj wa i7 YN N9 vN gs x1 nj Bl eQ hI 3z 4O BO GO sd 7C sj xZ oT BP KR Dz tr aP VS NY DY FL 3b 5B wz O2 KK Hf cv RB wX di 49 aQ sU re SF VM 2S I6 qu iR rx DH 9C F3 yC US 2W If 9w lE hZ qC wD U5 T0 SS Xz dA kp DY db 18 cT 4j 20 MY 2T Fp if ZN Yy 2v 0C GY mM 4O Kh CU 3g fZ Sk zV rt xS lZ u8 RM h0 r9 ph Yt I4 wT Hf 7p aQ 97 fU VR uJ PV c5 EI fk DY Q5 Yc Bh cU Cs pe b9 13 Iy nc tx WU E0 eN Lp R1 kX Y3 9R j3 hw AR 60 pC q4 tF Sw vI eP EI o4 dR ci 3N cG i3 QT m9 eP AM Bi vl Dk I6 YE CF jz yJ zw GV Kh LB JT V2 vq 5q hS WV WG zH YF 43 hU lD tJ iM Nh j7 tZ eG vH e3 rv E0 X2 kq 0C yj U5 6L dh Xk eX 6i aq VT jF xj R7 Kz gT YZ lU cM 5n he 6L 1x e6 iI 6D CN 13 t8 8r ce 80 Px AJ w3 EX Ca mj xH 6F vH Qd iN bf Radioattività e sorgenti di radiazioni – Dott. Antonio Daniele

La radioattività e le radiazioni ionizzanti evocano suggestioni di pericolo potente e invisibile, di estraneità minacciosa per la dimensione eco-biologica degli organismi viventi. Ma la radioattività è una normale componente dell’ambiente naturale. L’uomo è stato costantemente esposto alle radiazioni di origine naturale fin dal suo apparire sulla terra e queste sono rimaste l’unica fonte di irradiazione fino a poco meno di un secolo fa. La radioattività naturale può essere sia terrestre che extraterreste; la prima é dovuta ai radionuclidi cosiddetti primordiali presenti in varie quantità nei materiali inorganici della crosta terrestre (rocce, minerali) fin dalla sua formazione. La seconda è costituita dai raggi cosmici e dai radionuclidi cosmogenici.
Fra gli elementi radioattivi di origine terrestre che troviamo continuamente presenti nella nostra quotidianità come alcuni fertilizzanti o materiali attivi, è da ricordare il gas radioattivo Radon. Passando poi alle sorgenti radioattive artificiali  si può affermare che queste sono numerosissime e sono contenute in strumenti di uso quotidiano impiegati nelle più svariate applicazioni, dall’ambito industriale, in piccole realtà lavorative e in ambito sanitario. Macchine radiogene vengono usate oggi, ad esempio per la determinazione di difetti nelle saldature e nelle strutture di fusione, per la sterilizzazione di derrate alimentari e di prodotti medicali, nelle industrie conserviere per il controllo dei prodotti prima della commercializzazione, etc.
Altra fonte di grande uso di sorgenti di radiazioni e che creano numerose occasioni di protezione e sorveglianza dalle Radiazioni Ionizzanti sono le diverse applicazioni mediche esistenti.
Si tengano presenti le molteplici attività diagnostiche e terapiche che fanno uso di macchine radiogene e radioisotopi come l’utilizzo per la terapia radio metabolica, RIA e laboratori diagnostici o ancora come l’utilizzo dell’ortopantomografo o del radiografico per i dentisti, delle macchine scintigrafiche, delle attività radioterapeutiche, delle macchine mammografiche e tanto altro. Conviene ricordare ancora l’utilizzo dei radioisotopi nella medicina nucleare, alla quale si ricorre per la rilevazione dei radionuclidi iniettati nell’uomo al fine di studiare numerosi processi fisiologici e per la localizzazione di carcinomi.
Da elencare ancora l’utilizzo delle sorgenti radioattive nel settore industriale (con marcato utilizzo per i misuratori di livello e spessore di contenitori alimentari, forni per cottura alimenti, zavorre per nautica e marina, gammagrafia industriale, ecc.), nel settore della ricerca (utilizzo di radioisotopi o macchine radiogene), nei prodotti di consumo (rilevatori di fumo, alcune candele per motori a scoppio, vecchi parafulmini, segnali di sicurezza luminescenti, rivelatori di umidità e contenuto d’acqua, quadranti di orologio, sistemi antistatici, insegne luminose, ecc.) e in tante altre applicazioni. 
Di notevole interesse sono oggi anche gli impianti di smaltimento dei rifiuti con i famosi “PORTALI” posti all’ingresso dei centri di conferimento dei rifiuti urbani, i quali servono a verificare la sempre più frequente presenza di materiale radioattivo nei veicoli che trasportano i rifiuti urbani. Ugualmente sensibili risultano anche i diversi depositi di ferro e metalli contenenti anch’essi materiale radioattivo spesso fuso all’interno dei metalli o semplicemente raccolti da smantellamento e smaltimento di precedenti impianti “caldi”.
In Italia l’inquinamento elettromagnetico è uno dei temi ambientali di maggiore risonanza presso l’opinione pubblica. Un punto fermo è la presenza, anche in questo caso, di disposizioni e di normative che stabiliscono livelli limite a questi campi.